Pia Unione della Beata Vergine della Provvidenza

Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

 

Pia Unione della Beata Vergine della Provvidenza
La Pia Unione della Beata Vergine della Provvidenza sorse nella chiesa Metropolitana di Udine nel XIX secolo, continuando un culto promosso dalla soppressa Confraternita di Sant’Omobono dei sarti. Questa, in un’epoca imprecisata, aveva fatto trasportare in Duomo una copia della Madonna di San Luca che si trovava in una delle contrade di Udine, curandone poi l’abbellimento e l’illuminazione. L’immagine fu collocata sul pilastro tra gli altari di S. Marco e di S. Giuseppe dove rimase fino al  1789 quando la Confraternita ottenne di poterla collocare sull’altare dei Ss. Girolamo e Nicolò.
Nel 1806 la Confraternita di Sant’Omobono fu soppressa ma il culto fu poi ripreso dall’Associazione dei divoti della Beata Vergine della Provvidenza. Nel 1907 il Capitolo Metropolitano ne compilò gli statuti e,  in data 10 luglio, ottenne dall’Arcivescovo Pietro Zamburlini il decreto di istituzione.
Intanto, tra il 1846 ed il 1847, l’altare dei Ss. Girolamo e Nicolò fu trasformato nell’altare della Madonna della Provvidenza.
Solo una parte dell’Archivio della Pia Unione della Beata Vergine della Provvidenza è conservata presso l’Archivio Capitolare ed è costituita da:
1 Proclama a stampa del 1740 riguardante l’esercizio dell’arte della sartoria a Udine.
15 filze di ricevute (1808-1817, 1834-1845, 1847-1848)
2 registri di introiti delle casselle per chiesa e per città (1834-1843)
3 scoderini (1835-1836, 1847)
5 registri con elenchi degli iscritti (1838-1876, 1847-1862, 1848-1905)
3 registri cassa (1834-1902, 1865-1879)
1 registro delle messe (1834-1891)
1 fascicolo dal titolo: Lavori che si fanno per l’altare della B. V. della Provvidenza (1846-1847)
Presso l’Archivio della parrocchia di S. Maria Annunziata nella Metropolitana di Udine (Archivio del Duomo), si trovano:
1 registro con elenchi degli iscritti (1916-1938)
2 registri cassa (1928-1973)